WP_Post Object
(
    [ID] => 10712
    [post_author] => 6057
    [post_date] => 2014-09-12 13:27:05
    [post_date_gmt] => 2014-09-12 12:27:05
    [post_content] => 

Questa figura l’ho trovato decritta per la prima volta su un testo di John J.  uno dei più conosciuti operatori e autore di diversi testi sull’analisi tecnica.

E una variante ai ben più famosi  che come sappiamo sono delle fortissime figure di inversione,  Murphy però individua in queste figure la possibilità di incontrarli anche sotto forma di pattern di continuazione.

 

 

Si creano durante un trend definito e rappresentano una pausa nel movimento, posso essere simili a rettangoli o a bandiere ma in entrambi i casi il massimo centrale nel caso di un trend ribassista  o il minimo centrale in uptrend saranno rispettivamente maggiori e minori rispetto gli a quelli esterni.

Alla rottura della neckline il trend riprenderà la sua direzione originaria e spesso il target sarà superiore a quello calcolato proiettando l’altezza del pattern come si fa per i testa e spalle d’inversione.

Per chi volesse approfondire le tematiche trattate in questo articolo, e quelle derivanti dalla applicazione delle teorie di  e analisi fondamentale, di  e , puo’ trovarci anche nell’area dedicata ad una particolare scuola ‘militare’ di, dove si insegna la  applicata ai mercati finanziari, attraverso un gioco di ruoli, competenze e gradi gerarchici, e con l’ausilio degli insegnamenti dei grandi strateghi dell’arte della guerra:

http://csifinanza.express-forum.net/forum.htm

[post_title] => Le Figure e i Pattern in Analisi Tecnica.Testa e Spalle di Murphy. [post_excerpt] => Questo testa spalle è una figura di continuazione ed è' una variante del più famoso testa e spalle (figura di inversione). [post_status] => publish [comment_status] => open [ping_status] => open [post_password] => [post_name] => le-figure-e-i-pattern-in-analisi-tecnica-testa-e-spalle-di-murphy [to_ping] => [pinged] => [post_modified] => 2014-09-09 13:29:50 [post_modified_gmt] => 2014-09-09 12:29:50 [post_content_filtered] => [post_parent] => 0 [guid] => http://csifinanza.investireoggi.it/?p=10712 [menu_order] => 0 [post_type] => post [post_mime_type] => [comment_count] => 0 [filter] => raw [post_category] => 0 [view_IO] => 1 )

Le Figure e i Pattern in Analisi Tecnica.Testa e Spalle di Murphy.

12 settembre 2014, ore 13:27 | Scrivi un commento commenti | Analisi Tecnica,Trading School
hr

Questo testa spalle è una figura di continuazione ed è' una variante del più famoso testa e spalle (figura di inversione).

Tumbnail

Questa figura l’ho trovato decritta per la prima volta su un testo di John J. Murphy uno dei più conosciuti operatori e autore di diversi testi sull’analisi tecnica.

E una variante ai ben più famosi testa e spalle che come sappiamo sono delle fortissime figure di inversione,  Murphy però individua in queste figure la possibilità di incontrarli anche sotto forma di pattern di … continua a leggere >>>

Tod’s. Parte III

hr

Diego Della Valle (Sant’Elpidio a Mare, 30 dicembre 1953) è un imprenditore italiano, presidente, amministratore delegato e azionista di maggioranza di Hogan e Tod’s (56%), nonché patron della Fiorentina. Dopo aver studiato giurisprudenza all’Università di Bologna, lavorò per un breve periodo negli Stati Uniti d’America e nel 1975 entrò nell’azienda di calzature di famiglia fondata dal nonno … continua a leggere >>>

GRANDI TRADER : RALPH NELSON ELLIOTT Parte II ed ultima .

hr
Tumbnail

Teoria delle onde di Elliott. Nei primi anni 30, Elliott ha iniziato lo studio sistematico di settantacinque anni di dati di borsa, tra cui grafici indice con incrementi che vanno da annuale a mezz’ora. Nell’agosto del 1938, ha dettagliato i risultati dei suoi studi pubblicando il suo terzo libro (scritto in collaborazione con Charles J. Collins), dal titolo The Wave Principle . Elliott ha … continua a leggere >>>

GRANDI TRADER : RALPH NELSON ELLIOTT Parte I.

hr
Tumbnail

Ralph Nelson Elliott

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Ralph Nelson Elliott (28 luglio 1871-15 gennaio 1948) è stato un analista americano  e autore, il cui studio di dati borsistici lo ha portato a  sviluppare il principio dell’onda , una forma di analisi tecnica che identifica le tendenze dei mercati finanziari. Egli ha proposto che i prezzi di mercato si svolgono in modelli … continua a leggere >>>

30 luglio 2014, ore 18:21 | Scrivi un commento commenti | Grandi Trader,Trading School

GRANDI TRADER : ARTHUR PHILIP FISHER Parte III.

hr

Arthur Philip Fisher
Da Wikipedia, l’enciclopedia libera
I 15 punti di Fisher parte II
Fisher famosi “Quindici punti da ricercare in un titolo comune” da “Common Stocks and Uncommon Profits” sono una guida qualitativa alla ricerca di società ben gestite, con prospettive di crescita. Secondo Fisher, una società deve qualificarsi in maggior parte di questi 15 punti per essere considerato un … continua a leggere >>>

14 luglio 2014, ore 16:45 | Scrivi un commento commenti | Grandi Trader,Trading School

Banco Popolare e l’analisi osservativa.

hr
Tumbnail

Salve.

Partendo dal dogma incontrovertibile che in borsa non vi è certezza, ma solo parziale prevedibilità degli eventi, questo titolo è un ottimo banco di prova per illustrare l’analisi osservativa….

Guardando il titolo nella sua evoluzione possiamo notare un andamento crescente diviso in due parti (determinato dalla rottura della prima linea di trend crescente) speculari (facendo … continua a leggere >>>

GRANDI TRADER : ARTHUR PHILIP FISHER Parte II.

hr

I 15 punti di Fisher  parte I

Fisher famosi “Quindici punti da ricercare in un titolo comune” da “Common Stocks and Uncommon Profits” sono una guida qualitativa alla ricerca di società ben gestite, con prospettive di crescita. Secondo Fisher, una società deve qualificarsi in maggior parte di questi 15 punti per essere considerato un investimento utile:

1. L’azienda dispone di prodotti o … continua a leggere >>>

20 giugno 2014, ore 11:30 | Scrivi un commento commenti | Grandi Trader,Trading School

GRANDI TRADER : ARTHUR PHILIP FISHER Parte I.

hr
Tumbnail

Arthur Philip Fisher (8 Settembre 1907 – 11 marzo 2004) è stato un investitore americano  meglio conosciuto come l’autore di Common Stocks and Uncommon Profits (azioni ordinarie e utili non comuni), una guida per investimenti che è rimasto in stampa fin dalla sua prima pubblicazione nel 1958.

La Carriera di Philip Fisher è cominciata nel 1928 quando  abbandonò appena creato il … continua a leggere >>>

12 giugno 2014, ore 17:04 | Scrivi un commento commenti | Grandi Trader,Trading School

Materiale informativo per innovarsi. Risk and money management. Parte XIII ed ultima.

hr
Tumbnail

“Risk and Money Management”: Le regole della sopravvivenza. PArte XIII ed ultima.

di Vergot

La caratteristica peculiare che accomuna i migliori trader è lo sviluppo di un atteggiamento mentale “rigoroso” che gli permette di mantenere sempre concentrazione, disciplina e fiducia. L’eliminazione del disagio emotivo dovuto alle perdite è il vero segreto del successo nel … continua a leggere >>>

Materiale informativo per innovarsi. Risk and money management. Parte X

hr
Tumbnail

“Risk and Money Management”: Le regole della sopravvivenza.Parte X

di Vergot

Regola 6: Per guadagnare nel lungo periodo in maniera ripetitiva, è necessario operare sia al rialzo che al ribasso.

Come noto, i trader che operano solo al rialzo riescono a generare buoni guadagni durante i bull market strutturali o ciclici, ma la curva del rendimento subisce un sostanziale appiattimento … continua a leggere >>>

21 maggio 2014, ore 18:53 | Scrivi un commento commenti | Money Management,Trading School

Materiale informativo per innovarsi. Risk and money management. Parte XII

hr
Tumbnail

“Risk and Money Management”: Le regole della sopravvivenza. Parte XII di Vergot Regola 8: Molto importante è l’autovalutazione. Ogni trade eseguito deve essere analizzato in dettaglio per capire gli errori fatti e correggerli. Di fondamentale importante è poi la valutazione dei risultati ottenuti sul lungo periodo. Per ottenere buoni risultati è fondamentale abituarsi a fare un attenta … continua a leggere >>>

Tod’s. Parte II

hr
Tumbnail

Il marchio Hogan è nato nel 1986 all’interno del gruppo Tod’s di proprietà della famiglia Della Valle. Nasce nel 1986 La scarpa “Traditional”, ispirata al mondo del cricket. Nel 1995 ci fu il lancio della linea sneaker “athletic”. Nel 1997 nasce la nuova linea denominata “Interactive”. Nel 2000 il marchio inaugura il secondo Hogan Store a Firenze. Nei successivi anni ci furono … continua a leggere >>>

1 maggio 2014, ore 8:23 | Scrivi un commento commenti | Analisi Tecnica

Materiale informativo per innovarsi. Risk and money management. Parte XI

hr
Tumbnail

“Risk and Money Management”: Le regole della sopravvivenza. Parte XI

di Vergot

Regola 7: Quando si apre una posizione, non bisogna mai aprirla sull’onda delle emozioni, delle notizie o dei consigli altrui. Un buon trader esegue lo stock picking seguendo un metodo “proprio” e in completa autonomia.

Un trader esperto basa le proprie scelte di acquisto e vendita solo sui segnali che … continua a leggere >>>

23 aprile 2014, ore 18:20 | Scrivi un commento commenti | Money Management,Trading School

Tod’s. Parte I

hr
Tumbnail

Tod’s: calzature, borse, pelletteria e accessori da uomo e da donna, fatti a mano, il meglio del Made in Italy. L’essenza del lusso e dello stile senza tempo.
La storia dell’azienda inizia nei primi anni del 1900, quando il nonno di Diego Della Valle, Filippo, creò una piccola fabbrica di scarpe. Il passaggio da azienda familiare ad azienda industriale avviene a fine anni 70, con l’ingresso in … continua a leggere >>>

12 aprile 2014, ore 9:40 | Scrivi un commento commenti | Analisi Tecnica

Materiale informativo per innovarsi. Risk and money management. Parte IX

hr
Tumbnail

“Risk and Money Management”: Le regole della sopravvivenza. Parte IX
di Vergot
Regola 5: Su una posizione in perdita non bisogna mai mediare. Mediare durante un Bear market porta solo a immobilizzare altro capitale e incrementare esponenzialmente le perdite.
Un altro grave errore che tutti i trader inesperti compiono in maniera quasi “scientifica” è quello di cercare di … continua a leggere >>>